Al Presidente Carlo Azeglio Ciampi e a sua moglie Franca con affetto e riconoscenza
20-09-2016

 

5313La notizia che il Presidente Ciampi (perchè per me è rimasto il presidente) è rientrato alla casa del Padre mi sorprende nella nostra Africa che proprio perché ci appartiene reciprocamente ci aveva portato quel giorno a incontrarci. Fisicamente certo, ma ben al di là che fisicamente. E' stato un incontro di anime, che dura tuttora, e con la stessa intensità adesso che Lui ci ha lasciato.

Sapete? Sulle prime quel giorno io non ci volevo proprio andare al Quirinale: nata per il servizio, sono allergica alle onorificienze. Mi sentivo all'inizio come un pesce fuor d'acqua. Con i miei pantaloni di flanella grigia e il maglioncino di lana verde, senza trucco, senza acconciatura, i capelli raccolti da un elastico giallo... Non potevo certo cambiare il mio look, sono io e anche quel giorno volevo continuare ad esserlo. Ma Lui l'aveva capito. Quando mi prese la mano sinistra e con la sua destra mi ha tenuto la spalla, guardandomi negli occhi con l'affetto di un padre. Mentre la signora Franca, a cui Lui mi aveva indirizzato, mi sorrideva con l'affetto di una madre. E da quel magico momento non eravamo più al Quirinale, con tutto il suo sfarzo e protocollo, io ero già rientrata nel mio mondo, che da sempre è quello dove i sogni diventano realtà, e Lui mi ci stava riaccompagnando ed incoraggiando a sognare.

La capacità di continuare a sognare anche quando non si è più bambini riporta ciascuno di noi all'ottimismo dell'infanzia, così simile all'ottimismo cristiano, che ho appreso da mio Papà, così simile all'ottimismo africano in cui il Presidente quel giorno mi ha ulteriormente rinforzato. Da quel giorno ho cominciato a sentire il Presidente come un secondo Papà, quasi coetaneo con il mio e con il quale come per il mio Papà la differenza di età non si sentiva, perché la freschezza dei sogni era viva e comune, l'amore per la vita che ti fa aprire agli altri e agli orizzonti sterminati dell'Africa. Terra delle grandi tragedie e delle grandi speranze, terra dove io con Lui abbiamo continuato ad aiutare gli africani a realizzare i loro sogni. E a far loro esigere il diritto di sognare.

Ottimismo africano perché in Africa la vita è eternità e come tale esorcizza la paura della morte, che diviene una parte della vita, e la vita non muore: non può morire, perché per ogni Uomo che oggi muore, altre ne nasceranno, in seno alla stessa famiglia allargata, e continueranno a vivere assieme a lui in comunione e sinergia. La vita è intrinsecamente eternità, come è eterno il tempo (che appartiene all'uomo che non sarà mai schiavo del tempo) perché entrambi sono eredità collettiva, che si trasmette di padre in figlio nella “Kikanda”, la discendenza, che come per Abramo si desidera numerosa come le stelle del cielo. E la progenitura è il viatico per conquistare l'eternità della vita. Perché generare, trasmettere vita significa innanzitutto non morire, ma entrare a far parte del mistero eterno della vita.

Per questo da quando il Presidente accettò quel giorno di essermi Padre, anche Lui è entrato a far parte di questa dimensione africana di eternità immanente dell'Uomo e delle cose, e quindi anche Lui continua oggi a vivere e a camminare con noi nell'eternità del cammino dell'esistenza umana.

Chiara Castellani

ULTIME NOTIZIE

un grande abbraccio di bene e di tenerezza a Chiara
Mercoledì, 15 Febbraio 2017
Dal mio corpo cresceranno dei fiori, e io sarò dentro di loro: questa è l’eternità. (Edvard Munch) Le amiche e gli amici di Chiara Castellani si stringono in un grande abbraccio di bene e di... Read More...
IMAGE Sul Congo silenzio complice
Venerdì, 06 Gennaio 2017
Read More...
Radio Impegno
Giovedì, 22 Dicembre 2016
CHIARA CASTELLANI A RADIO IMPEGNOE’ possibile riascoltare la notte delle dott.ssa Chiara Castellani a Radio Impegno una notte scandita da voci, storie, emozioni, coraggio … solidarietà: ... Read More...
Siamo Noi - Chiara Castellani, medico missionario
Giovedì, 22 Dicembre 2016
SIAMO NOI - CHIARA CASTELLANI, MEDICO MISSIONARIO Non ci sono parole per ringraziare gli amici e le amiche di SIAMO NOI che hanno reso possibile questo bellissimo intervento su tv2000. Read More...
IMAGE La sciarpa della pace
Giovedì, 22 Dicembre 2016
Read More...
Insieme a Chiara Castellani Onlus - Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale, ha sede in Roma, Viale Umberto Tupini n.113, C.F.: 90047140745
Sito ottimizzato da Emanuele Cusimano