Il nostro impegno a favore del Diritto allo Studio


Questo mese abbiamo assegnato nuove borse di studio per formare futuri professionisti nel settore sanitario.
La formazione resta una nostra priorità e a quasi due anni dalla nascita di Insieme a Chiara Castellani Onlus abbiamo offerto più di 200 borse di studio presso l'Istituto Tecnico Medicale di Kenge e Moanza.

Sostenere il Diritto allo Studio significa sostenere la crescita di un'intera comunità. Grazie al vostro supporto stiamo garantendo la possibilità di studiare ma soprattutto la possibilità di ricevere cure mediche.
"Scommettere sulle risorse umane" così la Dott.ssa Chiara Castellani definisce il nostro impegno a favore della formazione, impegno che potete approfondire in questo breve video realizzato per raccontarvi quanto di positivo stiamo costruendo.

Il carcere di Kenge
29-02-2016


Un'evasione di massa ha svuotato il carcere di Kenge e adesso il Ministro degli Interni ha fornito supporto alimentare ai pochi rimasti. Una notizia positiva considerando le condizioni in cui si trovano le detenute e i detenuti.
Condividiamo questo video appello della Dott.ssa Chiara Castellani per denunciare la difficile realtà nel carcere di Kenge, sperando che le autorità competenti possano intervenire quanto prima a favore dei Diritti delle persone recluse.

L'INCUBO DELLA MALARIA
8 Gennaio 2016

“Pitchou è arrivato martedì al centro Dream di Kenge-Kiwani e "Mamma Chiara" non sa ancora se il piccolo ha subìto danni permanenti. Ha aperto gli occhi, è un buon segno ma bisogna attendere e sperare.”
Così abbiamo scritto in un articolo il 16 Ottobre 2015.

IMG-20151015-WA0031

Coma malarico, questa la diagnosi effettuata dallo staff medico del centro Dream di Kenge, l'ennesima. Nei giorni successivi Pitchou sembrava accennare una leggera ripresa grazie ad alcuni farmaci specifici portati dai nostri volontari in missione nel mese di Ottobre ed immediatamente somministrati. Poi il silenzio, l’attesa, la nuova diagnosi.

Pitchou è stato dimesso in stato vegetativo permanente. La famiglia sta rinunciando ad imboccarlo con la siringa.

I bambini sotto i cinque sono le principali vittime della malaria, circa 1300 bambini e bambine perdono la vita ogni giorno a causa di un parassita chiamato Plasmodio, trasmesso dalle zanzare infette di tipo Anopheles.
Gli sforzi effettuati sino ad oggi a favore della prevenzione, attraverso l’uso delle zanzariere e dei repellenti, devono intensificarsi ma soprattutto bisogna sostenere la crescita del sistema sanitario congolese ancora oggi assente o di scarsa qualità in molte zone rurali.

Parlarvi di Pitchou è un atto di speranza, forse di utopia ma se tutti noi decidessimo di dare voce a coloro a cui è stato imposto il silenzio oggi e ripetiamo "forse", potremmo parlarvi dell’ennesimo bambino guarito.

Il Valore dell'Accoglienza
25 dicembre 2015

Per Natale, festa dell'accoglienza (ma furono i pastori e gli animali che seppero accogliere Maria incinta con le doglie, non certo chi a tal compito preposto...), voglio raccontare la storia di Dodo e di Anuarite.
Anuarite è vedova dal 2012 quando suo marito è stato sgozzato sulla strada di Feshi da dei criminali probabilmente venuti da oltre confine (Feshi è prossimo all'Angola). In seguito i criminali erano stati identificati e arrestati ma hanno corrotto i giudici e attualmente sono a piede libero.

Maman Lucie non voleva uccidere, aveva perso la testa, accecata dalla gelosia, anche perché la piccola Dodo era nata da poco. E' stata condannata a dieci anni di reclusione.

Anuarite é rimasta vedova quando era all'ottavo mese di gravidanza del suo ultimo figlio, Mbuta, che non ha mai conosciuto suo padre. Lei ha una capanna di legno e paglia e fa fatica a mantenere i suoi figli, senza contare sua madre, anche lei vedova e deformata dall'artrosi e i suoi 4 fratelli. Il solo salario, magro, è quello di Anuarite che lavora come infermiera al centro Dream/Mudiso.
Dodo è cresciuta in prigione. Non conosceva altre realtà finché Anuarite ha cominciato a portarla all'asilo insieme alla sua bambina. Dopo l'asilo tornava in prigione, che considerava la sua sola casa.
Quando Dodo, dopo una brutta malaria per la quale Anuarite da brava infermiera l'aveva curata a casa sua, si è sentita guarita ha detto ad Anuarite: "Io sono una bambina, non ho fatto niente di male, perché devo stare in prigione? Sei tu la mia mamma, questa è la mia casa, Alice e Mbuta sono i miei fratellini".
Anuarite non conosce la famiglia di Maman Lucie, ma non ha avuto difficoltà ad aggiungere un'altra bocca alle numerose già a suo carico.
Dodo non ha un padre, ma ha due madri ed è una bambina felice.

                                                                                                                                                                                                                         Chiara Castellani

10422424 10208215387492551 3250776644006477727 n          10410470 10208215389412599 520181857656988430 n   


La piccola Dodo con Paolo Moro e mentre fa il bagno nella sua nuova casa con Mamma Anuarite

ULTIME NOTIZIE

SIAMO NOI 2017
Sabato, 25 Novembre 2017
L’intervista “Il Congo è la casa della mia anima e della mia vita” Una donna nata medico, nata per salvare vite umane nei paesi più remoti del pianeta. Chiara Castellani, di ritorno dalla sua... Read More...
IMAGE SAVANA ON THE ROAD
Sabato, 28 Ottobre 2017
SAVANA ON THE ROAD Un medico, Chiara Castellani, chirurgo di guerra, da ventisei anni in Africa, la terra sognata sin da bambina, Kikobo, l'infermiere, colpito dall'Aids con cui ha imparato a... Read More...
un grande abbraccio di bene e di tenerezza a Chiara
Mercoledì, 15 Febbraio 2017
Dal mio corpo cresceranno dei fiori, e io sarò dentro di loro: questa è l’eternità. (Edvard Munch) Le amiche e gli amici di Chiara Castellani si stringono in un grande abbraccio di bene e di... Read More...
IMAGE Sul Congo silenzio complice
Venerdì, 06 Gennaio 2017
Read More...
Radio Impegno
Giovedì, 22 Dicembre 2016
CHIARA CASTELLANI A RADIO IMPEGNOE’ possibile riascoltare la notte delle dott.ssa Chiara Castellani a Radio Impegno una notte scandita da voci, storie, emozioni, coraggio … solidarietà: ... Read More...
Insieme a Chiara Castellani Onlus - Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale, ha sede in Roma, Viale Umberto Tupini n.113, C.F.: 90047140745
Sito ottimizzato da Emanuele Cusimano